Manutenzione in corso.
Il sito web tornerà presto on-line.
Saverio Morelli • Visita al Museo archeologico nazionale di Metaponto e al Tempio di Hera

Visita al Museo archeologico nazionale di Metaponto e al Tempio di Hera

Il 17 agosto 2019 ho visitato il museo archeologico nazionale di Metaponto. In questo articolo ci sono le mie impressioni e le mie idee per il miglioramento del museo stesso. Nella stessa giornata ho visitato anche le tavole palatine "Tempio di Hera" (sito in Metaponto).
La prima osservazione che vorrei fare è che non è presente un sito web dedicato, ma solamente una pagina su quello del MiBAC oppure una pagina dedicata sul Polo museale della Basilicata; credo che sia il caso di creare un sito dedicato.
Il museo, a mio parere, è veramente molto bello. Certo, non è grandissimo, ma nella sua piccolezza ha moltissimi reperti storici.
È tenuto in condizione, sommariamente, ottime. Dovrebbero sfruttare maggiormente ogni singolo oggetto, a mio avviso. Con ciò intendo dire che, piuttosto che mettere moltissimi reperti storici in una singola teca, facendola diventare confusionaria, sarebbe meglio suddividerli in diverse teche. Così facendo, il museo, sembrerebbe anche più grande.
Un'altra cosa che non mi è molto piaciuta, e che ho notato soprattutto nella prima stanza, è che vengono elencati i reperti, senza spiegarne il loro utilizzo e la ricchezza storica (è specificato, tuttavia, dove è stato trovato). Nelle stanze successive, ogni oggetto aveva un numero e, vedendo nella legenda, era possibile identificarlo univocamente. Soluzione eccellente, rispetto all'elencazione disordinata (della 1a stanza), tuttavia manca sempre la descrizione del reperto.
I musei esistono perché debbano dare cultura a tutti; perché tutti possano osservare le meraviglie del passato. Ma se non si capisce a cosa serve un oggetto, è molto inutile vederlo, no?
Ho notato, inoltre, che lo staff del museo era formato solamente da 2 persone, delle quali una era, credo, la responsabile del museo (che si è mostrata molto disponibile). C'era, inoltre, una terza figura ma era la responsabile della mostra "Matera 2019", quindi non direttamente del museo. Credo che, in un museo (anche se piccolo) sia opportuno avere più membri nel proprio staff.
In ogni caso, posso concludere dicendo che la visita al museo è stata veramente molto soddisfacente e, devo dire, sorprendente. Trovare così tanti reperti e non sapere della loro esistenza, o meglio, non sapere che è possibile vederli recandosi nel museo di Metaponto è quasi deprimente. Bisognerebbe valorizzare il posto molto di più.
Dopo la visita al museo mi sono recato alle Tavole Palatine del Tempio di Hera. Beh, mi sono lamentato delle sole 2 persone nello staff del museo, quindi anche qui devo far presente che il personale era carente; in realtà non era presente proprio nessuno.
Questo è veramente un peccato, perché potrebbero rovinare una parte di storia senza che nessuno se ne accorga, non nell'immediato, almeno.
Per fortuna che la gente del posto e i visitatori sono abbastanza civili, poiché anche questo luogo è tenuto bene. Sarebbe solamente da valorizzare maggiormente, come ogni cosa in Basilicata.
Ecco un'immagine 360° del "Tempio di Hera" (Tavole Palatine):
Questa immagine 360° è molto bella, ma non rende totalmente giustizia alla bellezza e all'imponente Tempio (o ciò che ne è rimasto). Consiglio, pertanto, di visitarlo (anche perché il biglietto è inesistente, quindi la visita è assolutamente gratuita).

Informazioni utili
Prezzo biglietto (museo): 2,5€ oppure 2€ ridotto
Prezzo Tavole Palatine del Tempio di Hera: gratis/entrata libera

A seguire alcune immagini del museo e del tempio di Hera:




Link utili
Sito web Museo archeologico nazionale di Metaponto di Beniculturali
Sito web Tempio delle Tavole Palatine (di Hera)

Pubblicato il: 2019-08-25 • Tag: museo metaponto grecia tempio di hera tempio greco basilicata italia provincia di matera tavole palatine

Commenti

Non è presente alcun commento. Lascialo tu per primo!

Lascia un commento

N.B.: il commento non verrà reso pubblico fino ad approvazione da parte di un moderatore.
L'indirizzo email non sarà reso pubblico, a differenza dell'username che verrà usato per firmare il messaggio.
I campi contrassegnati con * sono obbligatori.