Manutenzione in corso.
Il sito web tornerà presto on-line.
Saverio Morelli • "Complimenti" ai meridionali che votano la Lega Nord

"Complimenti" ai meridionali che votano la Lega Nord

Il fatto che anche il Sud Italia (ma anche il Centro e le Isole) abbia votato Lega Nord Salvini è motivo di vergogna per me, poiché fino a qualche anno fa il "problema dell'Italia" era il Sud, i "teron".
Probabilmente più per ignoranza, che altro.
Ma a quanto pare la gente dimentica; per fortuna, comunque, sulla rete nulla si può cancellare.
Vi riporto, in seguito, alcuni dei tanti video che dovrebbero portare tutti i meridionali a riflettere prima di votare; poi, se ancora credete che "via gli immigrati" e il "prima gli italiani" siano gli obiettivi veri della Lega, dunque votatela pure. Siamo in democrazia e avete il diritto e il dovere di esprimere il vostro voto in libertà.
N.B.: tutto il materiale presente in questo articolo è a solo scopo illustrativo. Non voglio creare odio verso nessuno, voglio solo far riflettere. In Italia vige la democrazia, quindi anche la libertà di espressione e io la sto solamente esercitando.
(1° video) Il Nord si sveglia prima (2013)

(2° video) Salvini canta contro Napoli (2009)

Non mi dilungherò nello spiegare le inesattezze del primo video. Dirò solamente che il Nord Italia ha una popolazione superiore, quasi doppia, rispetto al Sud Italia (27'740'984 contro 13'997'878); questo comporta, ovviamente, una maggiore produzione di qualsiasi cosa, maggiori entrate, maggiore esportazione, maggiori volontari, eccetera. Un ulteriore riflessione, poi, sui servizi offerti al Nord piuttosto che al Sud: basta vedere la linea ferroviaria di RFI: sviluppata quasi per la totalità al Nord-Centro, lasciando indietro il Sud Italia e le Isole. Eppure anche i meridionali pagano le tasse. Stessa cosa vale per gli investimenti: i merionali pagano in egual modo (in proporzione) le tasse, ma i governi hanno da sempre investito solamente al Nord (o, al massimo, al Centro). Questo ha causato, negli anni, la sempre più differenza tra "Nord" e "Sud", tra parte dell'Italia "ricca" e quella "povera". Ma i problemi non si risolvono con l'autonomia o facendo finta che non esistano, invece bisogna sedersi e pensare a una concreta soluzione.
Il primo video, inoltre, si basa su stereotipi vecchi e che, a quanto pare, agli occhi dei settentrionali sono ancora veri. Peccato che la maggior parte di loro sia scesa massimo fino a Roma.
Il secondo video, quello di Salvini che canta in coro una canzone razzista contro "Napoli" (cioè il Sud, perché per i settentrionali il Sud è tutto uguale a Napoli ...) si giustifica da solo. Da meridionale, delle sue scuse "Mi scuso in ginocchio per i cori contro Napoli" non me ne faccio nulla. Le persone sbagliano, certo, ma devono comunque pagare: in questo caso il pagamento sarebbe ritarsi dalla vita politica e vergognarsi di ciò che è stato fatto e detto. E per coloro che dicono "Non conosceva il Sud. Ora lo conosce e si scusa" rispondo che è peggio ancora. Vuol dire che denigrava il Sud senza neanche averlo visto. Esattamente come stanno facendo la maggior parte degli italiani attualmente: discriminano persone UGUALI a noi, (ad esclusione del colore della pelle), solamente un politico di turno li usa come capro espiatorio. La violenza, l'illegalità, la criminalità, gli omicidi e quant'altro in Italia ci sono sempre stati.
E, dal momento che Salvini si dichiara cattolico, (baciando addirittura il crocifisso per la vittoria alle europee: altri voti guadagnati), riporto alcuni versi della Genesi "Ricordati che sei polvere e in polvere ritornerai".

Ribadisco ancora una volta che non sono né di sinistra né di destra e che sono, invece, per un'Italia forte e unita, e con politici possibilmente che lavorano per renderla tale. Ma, purtroppo, non serve fare promesse se non vengono mantenute.
Pubblicato il: 2019-08-19 • Tag: salvini incoerenza sud italia politica

Commenti

Non è presente alcun commento. Lascialo tu per primo!

Lascia un commento

N.B.: il commento non verrà reso pubblico fino ad approvazione da parte di un moderatore.
L'indirizzo email non sarà reso pubblico, a differenza dell'username che verrà usato per firmare il messaggio.
I campi contrassegnati con * sono obbligatori.